Forfora come curarla

Forfora come curarla />

La forfora è un disturbo che colpisce il cuoio capelluto molto frequente e fastidioso, più presente negli uomini per motivazioni ormonali. 
Il cuoio capelluto di chi soffre di forfora è abbondantemente ricoperto di piccole scaglie bianco-giallastre, che si staccano facilmente dal capo andandosi a depositare anche sulle spalle. Queste scaglie altro non sono che residui del ricambio cellulare, cellule morte che si staccano con maggiore velocità rispetto al normale. Tale velocità di sfaldamento dello strato corneo può provocare anche rossore e prurito

Non si tratta di un problema grave ma, le sue ripercussioni a livello estetico, possono causare anche problemi sociali in chi ne è colpito.

La principale causa della forfora è la proliferazione della Malassezia furfur, un fungo normalmente presente sul cuoio capelluto che si nutre di sebo, per cui una sua presenza troppo massiccia accelera il ricambio cellulare. Tale proliferazione può essere dovuta ad un eccesso di stress, ad alimentazione sbagliata, all’utilizzo di prodotti inadatti, a lavaggi troppo frequenti o, all’opposto, alla scarsa igiene.

Per curare la forfora bisogna partire innanzitutto dall’alimentazione, prediligendo una dieta ricca di frutta e verdura fresche e di stagione. Bisogna poi assicurarsi di bere almeno due litri di acqua al giorno, dato che la disidratazione cutanea è un’altra importante causa di forfora.

Per quanto riguarda la detersione è importante adoperare prodotti mirati. Nei casi più leggeri si può optare per shampoo delicati ed il lavaggio andrebbe eseguito quotidianamente, mentre nei casi più severi e con prurito intenso si consiglia di adoperare shampoo specifici antiforfora, quelli più efficaci sono risultati essere:

  • Shampoo allo Zinco Piritione: dall’importante azione antibatterica e antifungina, che aiuta a ridurre la proliferazione di funghi e batteri
  • Shampoo al Catrame di Carbone: aiuta a controllare forfora riducendo il turnover cellulare della cute
  • Shampoo al Disolfuro di Selenio: aiuta a rallentare il rinnovamento cutaneo e riduce le colonie fungine e batteriche, risultando molto utile nel trattamento cronico 

Anche molti rimedi naturali sono efficaci per il trattamento della forfora, ed in particolare l’olio essenziale di Tea tree, gli oli essenziali di eucalipto, limone e salvia, l’olio di Neem e l’aceto di mele.
Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Contattaci! Lo staff della Farmacia San Rocco risponderà con piacere a tutte le tue domande!