Radiofrequenza


La radiofrequenza estetica è una tecnica non invasiva e non dolorosa che si basa sull’utilizzo di onde elettromagnetiche per determinare un rimodellamento dei tessuti. La sua azione è efficace nel contrastare il rilassamento cutaneo sia del viso, sia del corpo

Tale tecnica non prevede l’uso di aghi, di anestesie, di bisturi o di farmaci da iniettare, ma viene eseguita attraverso un particolare manipolo e una crema conduttrice.

Attraverso questi strumenti, le onde radio arrivano dall’epidermide al derma, sprigionando calore. Lo shock termico che ne consegue stimola i fibroblasti a produrre nuovo collagene, una proteina fondamentale nel supporto e nella struttura dei tessuti connettivi e degli organi.

Le sedute durano mediamente dai 30 ai 60 minuti e sono assolutamente non dolorose, si ha solo una percezione di calore intenso laddove i tessuti sono più ricchi di edemi e cellulite. La durata varia in base all’ampiezza della zona da trattare. Per ottenere un risultato ottimale, i protocolli prevedono 2 cicli l’anno.

I risultati della radiofrequenza sono visibili fin dalle prime sedute ed i progressi conseguiti si mostrano stabili nel tempo.

Nel post-seduta non sono richieste cure particolari se non l'utilizzo di creme idratanti per mantenere lenita e curata la parte di pelle trattata.

Il trattamento con la radiofrequenza è particolarmente indicato per:

Attenuare le rughe di espressione o da invecchiamento

Ripristinare il tono cutaneo

Ridurre la cellulite

Attenuare le smagliature

Rimodellare le adiposità localizzate

Stimolare il circolo linfatico

Eliminare il gonfiore e la ritenzione idrica da stasi

Rimuovere piccole cicatrici

Oltre che per gli inestetismi cutanei, la radiofrequenza può essere adoperata per il trattamento di alcune patologie della pelle, come l’acne infiammatoria.

Le controindicazioni della radiofrequenza sono minime ma, in particolare, è bene che non vi si sottopongano:

Donne in gravidanza o in fase di allattamento

Pazienti con patologie cardiache o portatori di pacemaker

Pazienti affetti da dermatosi cutanee

Pazienti con infezioni cutanee in atto

Pazienti con patologie autoimmuni cutanee.